Clinica legale in legislazione antimafia e contrasto ai patrimoni illeciti

PER ISCRIVERSI

Docenti: Michele Prestipino Giarritta (procuratore aggiunto DDA Roma); Cesare Placanica (avvocato in

Roma), Fabio Roia (presidente sez. Misure di prevenzione Tribunale di Milano); Roberto Paese (dottore

commercialista e amministratore giudiziario)

(II semestre – 60 ore, 6 CFU così divise: 24 ore di lezione – 3 cfu; 36 ore laboratorio – 3 cfu)

Erogato da Collegio S. Caterina da Siena

 

La clinica legale è strutturata in due parti.

Prima parte: Lezioni (24 ore) tenute dal procuratore aggiunto della DDA di Roma, dr. Michele Prestipino,

strutturate in forma dialogica, anche assieme ai docenti del Dipartimento di Giurisprudenza.

Sono finalizzate a trasmettere le nozioni essenziali della “Legislazione Antimafia” che, a partire dal 1982, ha

profondamente caratterizzato l’ordinamento penale, sotto il profilo sostanziale (con l’introduzione di

specifiche fattispecie di reato) e sotto quello procedimentale/processuale (dalla fase delle indagini

preliminari, allo svolgimento del dibattimento, fino alle le modalità di esecuzione della pena), con

l’introduzione del c.d. doppio binario.

Seconda parte: Laboratori (36 ore) sulle misure previste dall’ordinamento per il contrasto ai patrimoni

illeciti, in cui i docenti discuteranno con gli studenti casi pratici, mettendoli alla prova con l’elaborazione di

strategie d’intervento e con la redazione dei conseguenti atti giudiziali.

I laboratori sono cinque e mirano a portare in aula agli studenti il lavoro svolto:

1. Negli uffici della Procura distrettuale antimafia (4 ore);

2. Nello studio del difensore del proposto (8 ore);

3. Nella sezione Misure di prevenzione del Tribunale (8 ore);

4. Nello studio dell’amministratore giudiziario (8 ore)

5. Negli uffici della Prefettura (8 ore)

La Lombardia è una delle regioni di massimo approdo degli investimenti criminali: i cinque laboratori

permettono di misurarsi in concreto con le attività relative alle misure di prevenzione patrimoniale dai

diversi osservatori delle professioni legali interessate (magistrati, avvocati, amministratori giudiziari,

funzionari di prefettura). Oltre all’acquisizione delle competenze, teoriche e pratiche, la clinica svolge così

anche la funzione di orientamento al lavoro, dando l’opportunità agli studenti di acquisire consapevolezza

delle proprie attitudini ed indirizzarli nella scelta professionale.

Periodo di svolgimento: 2° semestre

Tipo esame: esame orale

Verbalizzazione: entro la data del primo appello di gennaio 2024 **

Nota: non è previsto un numero minimo di iscritti al fine dell’attivazione della Clinica legale